Servizi

Consulenza direzionale

Ci rivolgiamo a Clienti o Partner (per conto dei propri Clienti) che si trovino ad affrontare cambiamenti importanti dell’ordinamento inerente organizzazione, personale, contabilità e controlli interni, approvvigionamenti ed i conseguenti impatti sulle proprie procedure operative ed informatiche.

In tale contesto, vantiamo una notevole esperienza nell’indirizzare gli impatti del cambiamento verso scenari tecnologici ed operativi alternativi che spesso comportano la selezione delle applicazioni di mercato più adatte al caso d’uso e/o alla progettazione e realizzazioni di soluzioni mirate.

Nelle fasi successive di modellazione ed implementazione dei sistemi (ovvero di quality assurance dei processi di modellazione e realizzazione) siamo in grado di essere un fattore garanzia e di accelerazione significativo.

Infine grazie alle numerose esperienze di successo maturate negli anni, siamo in condizione di condurre il Cliente lungo un processo evolutivo complesso, garantendo in ogni situazione la corretta “governance” delle diverse componenti tecnologiche, funzionali ed operative.

Pianificazione strategica in Sanità

Il processo di Pianificazione strategica è fondamentale per guidare la gestione dell’azienda verso:

  • formulare un programma operativo coerente con il piano strategico e gli obiettivi di generali
  • formulare un budget coerente con l’indirizzo politico strategico e con la disponibilità di risorse espresse nel Bilancio annuale
  • promuovere e consentire il coordinamento tra centri di responsabilità e uffici che concorrono al perseguimento dello stesso obiettivo
  • accrescere l’autonomia dei centri di responsabilità, sia nel formulare proposte sugli obiettivi da raggiungere che nella gestione delle proprie risorse
  • gestire verso i buoni risultati, cioè ad introdurre i meccanismi organizzativi necessari ad assicurare che le risorse (umane, tecnologiche, infrastrutturali e finanziarie) siano: acquisite convenientemente (economicità), utilizzate al meglio nella produzione dell’output (efficienza), impiegate in condizioni di regolarità (legittimità formale e sostanziale), capaci di costruire valore per l’intera comunità (efficacia) secondo piani e programmi stabiliti.
  • verificare sistematicamente lo stato degli obiettivi operativi, il rispetto delle scadenze previste dal programma e lo stato delle risorse previste dal budget

Digital transformation

La digital transformation rappresenta il profondo cambiamento delle attività e dei processi organizzativi, delle competenze e dei modelli di business, finalizzata a sfruttare appieno, in modo strategico e prioritario, opportunità che le tecnologie digitali sono in grado di garantire alle aziende.

Pertanto condurre una strategia di digital transformation persegue l’obiettivo di creare le capacità, all’interno dell’organizzazione, di sfruttare appieno le possibilità e le opportunità delle nuove tecnologie e il loro impatto nel modo più rapido, migliore e più innovativo. Un viaggio di trasformazione digitale che necessita di un approccio graduale, con una chiara tabella di marcia, che deve necessariamente coinvolgere una varietà di parti e attori interessati, spesso superando le rigide logiche organizzative aziendali.

Si tratta di un percorso non solo tecnologico, infatti l’elemento umano è fondamentale in tutti le fasi: sia per la trasformazione in quanto tale (collaborazione, ecosistemi, abilità, cultura, empowerment ecc.), sia per gli obiettivi della digital transformation.

ICT assessment & planning

ICT Assessment ha l’obiettivo di analizzare l’infrastruttura tecnologica, applicativa, risorse umane ed i servizi forniti dal sistema informativo, rispetto ai requisiti di business dell’azienda. Una volta definito il quadro di riferimento iniziale (situazione as-is) si procedere a declinare dei possibili scenari di evoluzione (scenari to-be) che rispondono agli obiettivi strategici di sviluppo dell’azienda e garantiscono che la componente ICT sia un elemento determinante per il loro raggiungimento.

Una volta definito lo scenario ottimale la fase di ICT Planning prevede la definizione di un master plan generale, che organizza i diversi filoni progettali da sviluppare in modo coerente e sincronizzato.

La realizzazione dello scenario prescelto procede infine nella selezione di applicazioni di mercato o lo sviluppo di applicazioni “ad hoc” che vengono integrate in modo coerente rispetto all’architettura applicativa definita. La nostra esperienza nello sviluppo di progettualità complesse di questo tipo e gli importanti risultati conseguiti negli anni, garantiscono ai nostri clienti il successo di iniziative ambiziose come queste.

Progetti ICT innovativi

L’azienda ha progettato e sta realizzando diversi progetti ICT innovativi in ambito sanitario che riguardano:

  • Architettura ed interoperabilità dei Sistemi Informativi: la possibilità per differenti sistemi di scambiare informazioni a differenti livelli.
  • Clinical Data Repository (CDR) – si tratta del sistema che fornisce un supporto alla gestione informatizzata, uniforme, aggiornata e integrata dei dati anagrafici, clinici e sanitari del paziente lungo tutto il ciclo di assistenza sanitaria all’interno dell’Azienda Ospedaliera o IRCCS. I dati strutturati presenti nel CDR in forma standardizzata, consentono la realizzazione di sistemi di Business Intelligence e di Machine Learning: applicazioni finalizzate a supportare l’azienda nei processi di rilevazione, analisi e valutazione di parametri legati all’attività e ai risultati perseguiti.
  • Sistemi ICT a supporto del processo interno di erogazione di servizi digitali al cittadino: sono applicazioni a supporto del processo di erogazione del servizio relative alle diverse fasi del processo (dalla prenotazione alla gestione del post servizio), di monitoraggio dei livelli di servizio, e di comunicazione digitale interattiva e/o informativa con gli utenti (CUP integrati e multicanali, casse automatiche, totem per le prenotazioni, applicazioni per la gestione elettronica delle code e delle priorità, i portali web rivolti al cittadino…).
  • Sistemi ICT a supporto della continuità assistenziale: sono applicazioni ICT che rispondono alla finalità di creare un’integrazione tra l’Ospedale, i Servizi Distrettuali, i Medici di famiglia, con il coinvolgimento dei Gruppi di interesse della Comunità Locale (telemedicina, terapie digitali, ecc…)

Project management

Fare il Project Manager di progetti innovativi e complessi non è affatto semplice, ancor meno semplice è garantire il successo dell’iniziativa e produrre i risultati attesi dal Committente e dagli stakeholder. In realtà il successo di un progetto ha varie sfaccettature a seconda dell’interessato che lo giudica e degli indicatori che vengono utilizzati, certamente un project management di successo dipenda innanzi tutto da una Governance che sappia e voglia indicare chiaramente il modo in cui si intende operare e si preoccupi di implementare con conseguente coerenza un appropriato modello di gestione, garantendo il proprio “commitment” e favorendo la diffusione della cultura di project management tra i diversi attori del progetto.

Inoltre siamo consapevoli che il successo del progetto è fortemente condizionato dalla presenza e dal buon funzionamento di Processi operativi trasversali capaci di integrarsi con il processo di project management e di supportarlo, mettendo a disposizione risorse competenti, quando programmato, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati e condivisi. In sintesi, crediamo che il successo di un progetto si debba basare sullo sforzo coordinato di una serie di fattori critici abilitanti, come dotarsi di una forte leadership gestionale, sviluppare una chiara strategia (la Governance), valorizzare le persone (Competenze Individuali), basarsi su solidi processi operativi (Competenze Organizzative).

Operiamo in modo da garantire che il successo di un progetto, non sia un fatto casuale, ma qualcosa che si deve costruire ricercando l’eccellenza durante tutto il suo ciclo di vita a partire dalle primissime fasi iniziali, quando occorrerà valutare il livello di convenienza dei ritorni attesi e che il profilo di rischio stimato sia in linea con la propensione dell’Organizzazione stessa ad accettarlo. L’esperienza fatta in questo campo non solo conferma quanto sopra, ma non lascia dubbi sul fatto che non ci sia alcuna garanzia di portare al successo un progetto, ricorrendo soltanto all’utilizzo di tecniche e strumenti gestionali, per quanto ben articolati o in voga essi siano, così come all’utilizzo di tools, ancorché sofisticati o d’avanguardia essi possano essere.

Reingegnerizzazione dei processi

La rivoluzione in atto nel settore sanitario per ottenere una maggior qualità nei servizi erogati migliorando nel contempo l’efficienza ed efficacia dei processi operativi, porterà ad un radicale cambiamento nella gestione delle strutture organizzative degli ospedali ed in generale di tutte le strutture organizzative (MMG, distretti, etc.) presenti nel sistema sanitario nazionale e regionale.

Questo processo di efficientamento progressivo del sistema sanitario passa attraverso la reingegnerizzazione dei processi interni e dei PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali) e la conseguente introduzione di nuovi strumenti ICT (Information Comunication Technology), che impatteranno sulle strutture sanitare modificato attività, procedure, tecniche ed anche processi.

Nella nostra accezione, la reingegnerizzazione dei processi non si limita all’identificazione di punti critici di inefficienza od inefficacia presenti nei processi in essere, bensì in un radicale ripensamento e messa in discussione del modo di erogare i servizi introducendo nuovi strumenti informatici che consentono di erogare i servizi in maniera totalmente diversa con risultati nettamente superiori a quelli raggiungibili in precedenza.

Controllo di gestione in Sanità

Con la riforma del Servizio Sanitario Nazionale italiano le aziende “informano la propria attività a criteri di efficacia, efficienza ed economicità, e sono tenute al rispetto del vincolo di bilancio attraverso l’equilibrio di costi e ricavi”, questo paradigma ha determinato nel tempo una costante necessità di progettare nuove modalità operative ed organizzative di svolgimento di tutte le attività legate all’acquisto e al consumo dei fattori produttivi (analisi dei fabbisogni → acquisto → immissione nel processo produttivo → controllo).

In questo nuovo contesto l’obiettivo primario di un ospedale, dal raggiungimento del quale dipende la sua stessa sopravvivenza nel medio-lungo periodo, è quello di fornire il miglior servizio al più basso costo possibile. Ragione per cui le Aziende Sanitarie hanno la necessità di razionalizzare i propri processi produttivi al fine di ricercare la migliore combinazione produttiva in termini di efficacia, efficienza ed economicità.

Se da una lato la reingegnerizzazione dei processi interni resta lo strumento primario da utilizzare nell’ottimizzazione delle risorse utilizzate e dei servizi erogati, dall’altro lato è anche fondamentale disporre di  un processo affidabile per la determinazione analitica dei costi, dei ricavi e dei risultati economici riguardanti singole attività, operazioni, processi produttivi, centri di costo e centri di responsabilità al fine di costituire un supporto alla Direzione per orientare gli interventi di miglioramento dei servizi o di ottimizzazione dei processi e dei relativi costi in termini strumentali e di risorse umane.

© 2021 Copyright CREMETE Srl - P.IVA 08457061219 - Tutti i diritti riservati